Notiziario bibliografico n.1

In questa lista: Novità: "Venner", "Altri fascismi", "Notturni" di Susanna Dolci; "Brasillach" - "Gentile"(testi rari)
Posted on Novembre 17, 2016, 10:52 am
FavoriteLoadingAdd to favorites 78 mins
  • (Dante Virgili) Antonio  Franchini Cronaca della fine. l 1970, in piena rivolta giovanile, la Arnoldo Mondadori Editore pubblicò un romanzo in lode di Hitler, “La distruzione” di Dante Virgili. Franchini comincia ripercorrendo il tormentato iter che portò i funzionari editoriali di allora alla decisione di pubblicare l’unica opera apertamente, dichiaratamente nazista della letteratura italiana. Poi ricostruisce, attraverso testimonianze di chi lo conobbe e ricordi personali, la figura del’autore, “demone meschino” ma soprattutto scrittore potente e visionario. “Cronaca della fine” è un’inchiesta su un caso editoriale, ma anche un’opera sul giudizio e sui suoi labili fondamenti, sui giudici e sulle loro debolezze, sui sommersi e i salvati della letteratura. Pp.: 262 Marsilio, 2003, euro 20,00, non disponibile presso l’editore
  • (mitologia) Monia Marchetto Miti stellari e cosmogonici dall’India al nuovo mondo ra le diverse convinzioni errate che la cultura di massa diffonde, si ripetono le affermazioni per cui gli antichi avrebbero creduto che la terra fosse piatta e che si trovasse al centro dell’universo mondo.Questa convinzione erronea si sarebbe perpetuata a partire dalla notte dei tempi fino al Rinascimento.In realtà le grandi civiltà del passato , sia quelle scomparse sia quelle ancora viventi, da sempre hanno appoggiato la loro speculazione su una osservazione rigorosa dei fenomeni celesti, trovando in essi anche una crittografia dei misteri del cosmo e del metacosmo.Se da una parte le speculazioni sugli astri hanno sviluppato scienze quali l’astronomia e l’astrologia, la matematica, la cosmologia, la fisica, l’alchimia, la cronografia, dall’altra l’osservazione delle forme , dei rapporti numerici, dei movimenti e dei prodigi (comete, eclissi, meteoriti), hanno messo in moto numerose arti quali l’architettura, la musica , la dottrina ciclica del tempo, la mitologia e l’applicazione umana di quest’ultima, l’epica..Pp. 538I realtà le grandi civiltà del passato , sia quelle scomparse sia quelle ancora viventi, da sempre hanno appoggiato la loro speculazione su una osservazione rigorosa dei fenomeni celesti, trovando in essi anche una crittografia dei misteri del cosmo e del metacosmo. ll Cerchio 2012 Euro 32,00
  • (sciamanesimo) Testi dello sciamanesimo siberiano e centroasiatico La letteratura sciamanica è costituita da testo tramandati oralmente di generazione in generazione, di sciamano in sciamano. Un’eccezione rappresentano i testi mongoli, per i quali esiste una tradizione scritta, sorta per influenza della cultura lamaista, risalente anche al secolo XVIII. Questa raccolta di testi è per alcune aree tale da comprendere la quasi totalità della letteratura esistente, come il caso dell’area turco-siberiana, per altre in ogni caso sufficientemente rappresentativa, com’è il caso delle aree tungusa e uigura gialla, per altre ancora (iacuta, mongola e buriata, uralica) essa è piuttosto esemplificativa, a ragione. Pp. 604, Utet, 2009. Euro 14,00
  • (politica) Marco Travaglio. la scomparsa dei fatti. «I fatti separati dalle opinioni», questo era il vecchio motto del giornalismo. Poi è stato soppiantato da uno molto più pratico: «Niente fatti, solo opinioni». C’è chi li nasconde perché non li conosce e non ha voglia di informarsi, perché altrimenti non lo invitano più in certi salotti, perché contraddicono la linea del giornale, perché è meglio non scontentare nessuno e magari ci scappa una consulenza con il governo o con la regione. Marco Travaglio racconta lo stato dell’informazione in Italia: programmaticamente svuotata di contenuti, malata di revisionismo, corrotta, mercenaria, sostanzialmente menzognera. Pp. 316. Il saggiatore. Euro 9,00
  • (fascismo-letteratura).GiuseppeBerto, GUERRA IN CAMICIA NERA. Con Giuseppe Berto gli storici non hanno dovuto faticare granché, come invece hanno fatto con molti altri scrittori italiani, per rintracciare le prove della sua adesione al fascismo: dieci anni dopo la fine della guerra, era lo stesso Berto a ricordare a chi l’avesse dimenticato, e a futura memoria, che lui non solo era stato fascista, ma che si era anche arruolato come volontario tra le Camicie Nere per combattere in Africa. Lo faceva con un libro intitolato, a scanso di equivoci, Guerra in camicia nera 10,00. Pp. 138. Rizzoli, 2010
  • (fumetti Pratt  CortOMaltese. LE ETiopiche Pp. 240, a colori. Rizzoli, 2004. Euro 10,,00
  • (letteratura  russa)Dostoewskij. Il giocatore. Pp. 158. Newton, 2002. Euro 4,00
  • (Germania) Ernst von Salomon. I Proscritti. edito a Berlino nel 1930 e stampato in Italia nel 1943, Die Geächteten spazza via, già dalle righe iniziali, ogni rassicurazione borghese facendo dei valori umanitari con cui, allora come oggi, saturiamo il vuoto della nostra vita, carta straccia. In un intarsio straordinario di biografia e narrativa, il padre de I Proscritti, Ernst von Salomon, racconta con sprezzante e disincantato realismo della lotta dei Freikorps nel Baltico (contro i bolscevichi) e in Alta Slesia (contro i polacchi); riferisce altresì della propria partecipazione all’organizzazione dell’assassinio del ministro degli Esteri tedesco, di origine ebraica, Rathenau, “colpevole” di essere favorevole all’“adempimento” delle risoluzioni dei trattati postbelliciPP. 504. bAldini & Castoldi, 2001, euro 14,00
  • (Natura) Jack London Zanna Bianca (copertina di CREPAX) Insieme al suo predecessore – “Il richiamo della foresta (1903)” ­-, è indubbiamente l’opera più nota dello scrittore americano Jack London (1876-1916). All’enorme successo di pubblico del romanzo – solo in Italia si contano ben ventidue edizioni di Zanna Bianca – si accompagna un giudizio piuttosto severo da parte della critica, che considera London un autore poco sofisticato, a tratti schematico e ideologicamente poco solido. Egli rimane tuttavia un grande romanziere d’avventura, capace di creare alcuni miti romantici come quello della frontiera, della natura selvaggia del Nord, dell’antitesi tra Civiltà e Natura. Euro 15,00 Il romanzo, ambientato nelle gelide foreste nordamericane dello Yukon, si suddivide in quattro parti. Nella prima, che inizia nel 1893, due cercatori d’oro, Henry e Bill stanno tentando faticosamente di riportare verso la civiltà con una slitta trainata da sei cani il corpo di Lord Alfred. Il momento della spedizione è drammatico poiché, oltre a dover fronteggiare la carestia di cibo, i due sono a corto di munizioni e non sanno come fronteggiare il branco di lupi che li insegue e li assale di continuo; tra questi, c’è la lupa Kiche (incrociata con una cagna) che si distingue per particolare forza e ferocia. Nel corso del duro cammino, Bill e quattro cani vengono uccisi e divorati dai lupi. mentre Henry, che già si è rassegnato ad una fine amara, viene salvato all’ultimo da un’altra spedizione, che scaccia il branco. La seconda parte del romanzo segue allora le avventure e le battute di caccia all’alce del branco di Kiche, addottandone il punto di vista; quest’ultima, alla ricerca di un compagno, si accoppia con il Guercio, un lupo forte e coraggioso, che ha perso un occhio in uno dei moltissimi combattimenti sostenuti. Kiche partorisce così una cucciolata di cinque piccoli, che però muoiono tutti per il gelo invernale tranne uno solo: un lupacchiotto grigio. Per giunta il Guercio, nel tentativo di difendere la tana di Kiche, viene ucciso in combattimento da una lince. Kiche, per vendicarsi e garantire al tempo stesso la sopravvivenza della sua famiglia, uccide prima i cucciolileggo con calma,  della lince e poi la lince stessa, al termine di una sanguinaria lotta che la lascia seriamente ferita. La storia di Zanna Bianca ha una svolta nell’incontro con un gruppo di cinque indiani: uno di questi, chiamato Castoro Grigio, riconosce nella madre del protagonista il cane del fratello, fuggito tempo prima per una grave carestia. L’indiano si impossessa della madre e di Zanna Bianca, battezzato così per il colore bianchissimo dei suoi denti, assai raro tra i lupi selvatici. Kiche viene presto rivenduta e Zanna Bianca, orfano, è disprezzato e maltrattato da tutti gli altri cani del campo indiano (e in particolare dal caposlitta Lip-Lip, un husky), che vedono in lui solo un lupo. Il protagonista cresce così selvaggio e solitario, ma sviluppa anche doti di forza, velocità e resistenza sopra la media: Mith-Sah, figlio di Castoro Grigio, lo addestra a diventare un perfetto cane da slitta e Zanna Bianca si vendica così di Lip-Lip, uccidendolo e proclamandosi capobranco. Castoro Grigio conduce dunque il suo cane a Fort Yukon, per cederlo a uno dei cercatori d’oro che frequentano la città; tuttavia Smith il Bello 1 inganna l’indiano facendolo ubriacare e si appropria di Zanna Bianca. Il suo obiettivo è trasformare il lupo in un perfetto cane da combattimento, tanto da torturarlo ferocemente per incattivirlo e vincere ogni scommessa. Zanna Bianca si rivela un eccellente combattente e sconfigge tutti gli avversari; un giorno però, il potente bulldog Cherokee resiste ai suoi attacchi e, abbattendolo a terra, inizia a soffocarlo con la mascella. Interviene allora Weedon Scott, che libera Zanna Bianca, picchia Smith il Bello e, minacciandolo di denunciare i suoi loschi affari, si porta via il cane-lupo. Pp. 184, copertina disegnata da Crepax. Sonzogno, 1973. Euro 15,00
  • (Seconda Guerra Mondiale) AaVV. LE CAUSE NASCOSTE DELLA SECONDA GUERRA MONDIALE Pp. 344, Controcorrente, 2011 € 20,00. A cura di Henry Coston. 10 saggi scritti da: Jacques Ploncard D’Assac, Jacques Bordiot, Henry Coston, Pierre Antoine Cousteau, Jacques Béarn, Renè D’Argile, Michel de Mauny.Le cause nascoste della Seconda guerra mondiale continuano ad interessare gli storici, in special modo quelli che sfidano l’ortodossia storiografica.Quest’opera farà molto discutere perchè racconta lo svuotamento di civiltà, il soffocamento di aneliti di libertà e di pace. C’è un intreccio di politica, cultura, economia, poteri occulti e alta finanza nello scenario di guerra. E’ una trama che produce comportamenti ambigui, alleanze di comodo, incoerenze, effetti contraddittori, strappi. Guerra fra Stati, guerra civile, mondiale, ideologica, di religione, del “sangue contro l’oro”.
  • I dieci saggi rappresentano, dunque, lampi nel buio della menzogna, raccontano le cause nascoste, i retroscena dell’ultimo conflitto monfiale.
  • In appendice considerazioni di Bruno Tarquini
  • (Imperi) Jaean Paul Roux. Tamerlano.  Le conquiste, le atrocità, le contraddizioni del creatore di uno dei più grandi imperi della storia. Isfahan, Urgents, Astrakan, Dehli, Aleppo, Damasco, Baghdad, Bursa: sono solo alcune delle città devastate da Tamerlano e dalla sua invincibile Orda d’Oro in un’avventura guerriera che, nel corso di un regno durato trentacinque anni lo portò dall’India all’Egeo, dall’Iran alle porte di Mosca, dalla Cina alla Siria, facendo di Samarcanda il centro di un impero sterminato quanto effimero. Roux ricostruisce la parabola di Tamerlano tenendo sempre presente i legami tra Oriente e Occidente per decifrare il mistero di una delle grandi personalità della storia. Al tempo stesso, conduce un’analisi della civiltà delle steppe che permette di approfondire la conoscenza dell’Asia centrale e del mondo musulmano in generale. Pp. 300, cop. rigida con sovracop. Garzanti, 1995. Euro 18,00
  • (Celiniana. Prime edizione It.) Rigodon. PP. 290. Cop. Rigida con sovracop. Prima edizione it. Bompiani, 1970. Euro 29,00
  • (Esoterica. Letteratura) Gustav Meyrink. L’angelo della finestra d’occidente. Introduzione di Julius Evola. Saggio di Hermenn Hesse. Nell’Angelo della finestra d’Occidente Meyrink inscena la biografia di un alchimista realmente vissuto – quel John Dee che fu matematico e cultore di discipline ermetiche, magiche e astrologiche sotto il regno di Elisabetta I d’Inghilterra –, ma in modo da evocare gli stadi di un vero e proprio processo alchemico in cui morte e rinascita sono momenti progressivi per accedere all’autentica conoscenza. Pp. 540, cop. rigida. Graal, 1996. Euro 32,00
  • (politica) Marco Brunazzo. Come funziona l’unione europea. Istituzioni, decisioni, politiche. Pp. 230 Laterza 2009. Euro 20,00
  • (filosofia antica)  Celso. Contro i cristiani. Pp. 240. Rizzoli, 2012. Euro 9,00
  • (medioevo) Jaues Le Goff. Il re nell’occidente medievale. Pp. 128. Laterza 2008, euro 7,00
  • (esoterismo) Gustav Meyrink. Il domenicano bianco, il romanzo iniziatico di una passiomne metafisica. Pp 164 In una città strana e misteriosa, dominata dall’enigmatica figura del Domenicano Bianco, tra personaggi inafferrabili e corrispondenze insolite, Cristoforo Colombaia è chiamato a penetrare, grazie ad una lenta e difficile ascensione verso la Conoscenza, in un altro universo, dove solo pochi eletti sono ammessi. Guidato da un uomo vecchio e saggio, che è divenuto suo padre, e da un grande amore tragico per Ofelia, Cristoforo dovrà superare le prove che gli consentiranno di trasformarsi in uno dei Grandi Maestri Segreti. Un libro che apre le porte dell’arcano mondo di Meyrink. Non un semplice romanzo, ma una guida magistrale attraverso i segreti della trasmutazione alchemica alla luce della Tradizione esoterica occidentale e taoista. Pp148. Tre editori, 1997.euro 15,00
  • (india – viaggi) Claudio Cardelli. My diary of India. Claudio Cardelli vive e lavora a Rimini, Italia. La sua è la generazione dei viaggi in oriente con le 2CV; giovanissimo nel 1970 compie il suo primo viaggio faraway verso la Turchia. Da allora si sono susseguiti innumerevoli spedizioni e viaggi di ricerca in tutta l’Asia, in particolare in India e nelle zone himalayane. Da questi viaggi Cardelli ha tratto una gran mole di materiale che mette a frutto, prima come fotografo e reporter per le più importanti riviste italiane del settore, quindi, verso la fine degli anni ’80, come documentarista e regista. Inizia una lunga collaborazione con la Rai per la quale realizza documentari su Mustang, India, Tibet, Bhutan, Afghanistan, Laos, Georgia ecc. Alcuni dei suoi lavori vengono premiati in rassegne internazionali. Autore di libri di viaggio, CD Rom (Tibet e India per Touring Club e La Repubblica) e DVD didattici, tra i suoi titoli ricordiamo Tra Valli e Picchi, Verso II Cuore Del Mondo (ed. Chiamami Città) e il recente Tibetan Sbadoivs Mediane Ed.2009pp. 358, cop. rigida, molte foto. Mediana, 2009. euro 14,00
  • Massimo viglione. Rivolte dimenticate. Le insorgenze degli italiani dalle origini al 1815. Pp. 356Città Nuova 1999. Euro 21,00
  • (Terrorismo) Ferdinando Imposimato. Perché Aldo Moro doveva morire? La storia vera
  • Prefazione di Antonio EspositoTrentacinque anni non sono bastati per far luce sul caso Moro. Inchieste giudiziarie e parlamentari, saggi, articoli e ­film non sono serviti a illuminare tutte le zone d’ombra del delitto che – forse più di ogni altro nella nostra storia repubblicana – ha colpito la coscienza del Paese e incrinato il rapporto tra società civile e mondo politico. Ecco perché vale ancora la pena di analizzare la dinamica dei 55 giorni di prigionia di Aldo Moro, nel tentativo finalmente di dare delle risposte diverse dalla versione ufficiale dei fatti. Grazie a nuove testimonianze esclusive e documenti inediti, Ferdinando Imposimato – giudice istruttore del caso Moro, su cui non ha mai smesso di indagare – ricostruisce l’agghiacciante scenario del sequestro, con rivelazioni bomba che lasceranno i lettori senza fiato. Perché la verità, finalmente, abbia nomi e cognomi. pp310copp. Rida con sovracop. Newton2014. Euro 9,00
  • (brigantaggio) abele de Blasio storie di briganti. Pp. 142Capone, 2001. (ristampa di un testo del 1908. Euro 10,00
  • Buddha. La via per la saggezza. A cura di Pio filippani Ronconi. Pp. 128. Newton, 2005. Euro 5,00
    (Fascismo – romanzo) Antonio Pennacchi. Canale Mussolini. Canale Mussolini è l’asse portante su cui si regge la bonifica delle Paludi Pontine. I suoi argini sono scanditi da eucalipti immensi che assorbono l’acqua e prosciugano i campi, alle sue cascatelle i ragazzini fanno il bagno e aironi bianchissimi trovano rifugio. Su questa terra nuova di zecca, bonificata dai progetti ambiziosi del Duce e punteggiata di città appena fondate, vengono fatte insediare migliaia di persone arrivate dal Nord. Tra queste migliaia di coloni ci sono i Peruzzi. A farli scendere dalle pianure padane sono il carisma e il coraggio di zio Pericle. Con lui scendono i vecchi genitori, tutti i fratelli, le nuore. E poi la nonna, dolce ma inflessibile nello stabilire le regole di casa cui i figli obbediscono senza fiatare. Il vanitoso Adelchi, più adatto a comandare che a lavorare, il cocco di mamma. Iseo e Temistocle, Treves e Turati, fratelli legati da un affetto profondo fatto di poche parole e gesti assoluti, promesse dette a voce strozzata sui campi di lavoro o nelle trincee sanguinanti della guerra. E una schiera di sorelle, a volte buone e compassionevoli, a volte perfide e velenose come serpenti. E poi c’è lei, l’Armida, la moglie di Pericle, la più bella, andata in sposa al più valoroso. La più generosa, capace di amare senza riserve e senza paura anche il più tragico degli amori. E Paride, il nipote prediletto, buono e giusto, ma destinato, come l’eroe di cui porta il nome, a essere causa della sfortuna che colpirà i Peruzzi e li travolgerà. Pp. 468. Cop. rigida con sovracop. Mondadori, 2010. EURO 20,00
  • (guerre)John Parker. Dentro la Legione straniera. La vera storia del corpo militare più duro del mondo e degli uomini che ne hanno creato la leggenda. Pp. 330. Tea, 1998. Euro 10,00
  • (fascismo): GiancarloOttaviani: LE veline del minculpop. (aspetti della propaganda fascista). Pp. 64. Euro 5,00
  • (Giappone). Donald Richie. Sull’estetica giapponese.  Pp. 70 Lindau, 2009. Euro 10,00
  • (prima g. m.) etrerHart. La grande storia della Prima guerra Mondiale. Battaglie, eroi, strategie, armi. PP. 568, alcune foto, copp. Rigide con sovrcop. newton, 2013. Euro 8,00
  • (Gurdjieffiana). Nicolas De Stjernvall. Daddy Gurdjieff. Alcuni ricordi inediti. Pp. 1109. Alni particolari poco noti deklla vita di G: e dei suoi numerosi seguaci. Mediterranee, 2007., Europ 12,00
  • (guerre globali). Francesco vignarca. Merceanri S.P.A. i nuovi soldati dell’era globale: chi sono e chi li paga. Dall’Amercica agli Stati africani, dall’Iraq all’Italia. Gli affari d’oro della gueerra privata. Pp. 266, rizzoli, 2004. Euro 8,00
  • (geopolitica) aldo Di Lello. Geofollia. L’attacco globalista agli Stati Nazionali. PP. 128. con alcune sottolineature a matita. Pp. 126. Sovera, 2001, euto 9,00
  • (Fascismo). Lino Di StefANO: Ugo Spirito. Filosofo, giurista, economista Pp. 84. Volpe, 1980. Euro, 10,00
  • (Napoleonica) Vittorio Criscuolo. Napoleone. Un profilo complessivo della figura del dittatore. Pp. 270. Il MULIno, 201. euro 10,00
  • (Fascismo). Enrico Mancini. ETTORE Muti. Euro 5,00
  • (Dannunziana). Gabriele d’Annunzio. Il Piacere. Pp. 480. Mondadori, 1995. Euro 5,00
  • (Mishima). Una stanza chiusa a chiave. Pp. 76. Es, 1993. Euro 7,00
  • (filosofia.). Platone. La Repubblica: Pp. 820. Laterza, 1997. Euro 12,00
  • (Viaggi). New YORK IS A WOMAN: Pp.60 petit cahier di viaggio. 2011. Euro 5,oo
  • (Evoliana) Julius EVOLA: NAZIONALIMO GERMANESIMO NAZISMO: Pp. 268. Melita 1989. euro 24,00
  • (RELIGIONI) Pio FILIPPANI RONCONI: L’INDUISMO: EURO 9,00
  • (RELIGIONI) Pio FILIPPANI RONCONI: L’INDUISMO: EURO 9,00
  • (Fascismo). Benito Mussolini.Pp. 296.  Dagli inizi all’ultima sosta in Romagna. (1 dicembre 1901 – 5 febbraio 12909). Edizioni La Fenice, 1951 perfetto. Euro 20,00
  • (Raro). Jean Rostand. Pensieri di un biologo. Pensieri sulla condizione dell’uomo da uno dei più grandi scienziati del secolo. 174. Cop. rigida con sovracop.  Il Borghese, 1968. Euro 15,00
  • (Eliade) Claudio Mutti. Mircea Eliade e la Guardia di ferro. A far chiarezza sul passato guardista di Eliade – e con un taglio di ricerca storica, senza apologie o denigrazioni preconcette – provvede un saggio di Claudio Mutti. Un libretto importante, perché presuppone una meticolosa ricerca delle fonti, ricerca non molto agevole anche perché nel periodo della dittatura, in Romania, molta documentazione è andata distrutta. Un’opera importante, quindi, perché fa chiarezza sul periodo (1936-’38) in cui Eliade militò nel movimento legionario “Guardia di Ferro” ed offre anche elementi interpretativi per la lettura di alcuni romanzi del pensatore rumeno, nei quali questi parlò di sé e dell’esperienza legionaria, sia pure in terza persona e in maniera velata. Mutti è stato il primo in Italia ad occuparsi, nel dopoguerra, dell’esperienza legionaria con particolare riferimento alle fonti e studiandone tutti gli aspetti. Pp. 58. All’nsegna del Veltro 1989. euro 10,00
  • (qualunquismo)Ettore La Serra.  Abbasso tutti. Giannini e il qualunquismo. Storia del movimento politico ‘ L’Uomo qualunque’. Pp. 106, Settimo Sigillo, 1990.euro 5,00
  • (viaggi) kathmandu. Luogo quasi leggendario, meta prediletta della cultura hippy, metropoli disordinata di cui le prime notizie si hanno dai diari di esploratori e viaggiatori del ‘700. Pp. 200, con molte illustrazioni. L’altra riva, 1991. Lire 22.000 – in offerta, euro 5,00
    Bergot Erwan. LA LEGIONE STRANIERA. Un secolo e mezzo di storia che avanza al passo della marcia legionaria, in una tragica sinfonia che da Camerone si espande a Dien Bien Phu, all’estremo gesto di virile ribellione dell’Algeria nel 1962. La dura disciplina di questi uomini leggendari riverbera nelle pagine di questo libro. Pp. 300. 24 PAGINE DI ILLUSTRAZIONI FUORI TESTO. Ciarrapico, 1988. € 25,00
  • (Stalingrado) WALTER KERR. IL SEGRETO DI STALINGRADO. I segreti della terribile battaglia. Con il termine battaglia di Stalingrado si intendono i duri combattimenti svoltisi durante la  seconda guerra mondiale che, tra l’estate del 1942ed il 2 febbraio 1943, opposero i soldati dell’Armata Rossa alle forze tedesche, italiane, rumeni ed ungheresi per il controllo della regione strategica tra il Don e il Volga e dell’importante centro politico ed economico di Stalingrado. La battaglia, iniziata nell’estate 1942 con l’avanzata delle truppe dell’Asse fino al Don e al Volga, ebbe termine nell’inverno 1943, dopo una serie di fasi drammatiche e sanguinose. Pp. 350, con 22 cartine nl testo¸ cop rigida con  sovracop. 1976 . Euro 15,00
  • (Bombe sull’Italia) Giorgio Bonacina. Le bombe dell’apocalisse. Progettazione, esecuzione ed effetti distruttivi dei bombardamneti dell’agosto 1943 su Milano, Torino e Genova. Pp. 156, cop. rigida . Fabbri, 1973. Euro 1°,00
  • (Raro) Che cosa hanno fatto gli inglesi in Cirenaica. A CURA DEL Ministero della cultura popolare Prefazione di Alessandro Pavolini. 142 pagine + 48 tavole ad illustrazioni in bianco nero +- copertina morbida.+ sovracopertina. Infamie e distruzioni degli inglesi in cirenaica, 1941. Euro 20,00
    Ottimo libro da lettura consultazione e collezione e di non facile reperibilità. in b/n f.t., bross. edit. in carta muta bianca con sovracoperta ill. a colori. Molto ben illustrato, 1941. Euro 20,00
  • (viaggi) kathmandu. Luogo quasi leggendario , meta prediletta della cultura hippy, metropoli disordinata di cui le prime notizie si hanno dai diari di esploratori e viaggiatori del ‘700. Pp. 200,  con molte illustrazioni. L’altra riva, 1991. Lire 22.000 – in offerta, euro 5,00
  • (Arte italiana) Petrolini. Macchiette, lazzi, colmi e parodie. Pp. 96. Newton, 1994. EURO 5,00
  • (letteratura tedescadel ‘900) H. Mann. L‘Angelo azzurro. Pp. 192. Newton, 1995. Euro 5,00
  • Bergot Erwan. LA LEGIONE STRANIERA. Un secolo e mezzo di storia che avanza al passo della marcia legionaria, in una tragica sinfonia che da Camerone si espande a Dien Bien Phu, all’estremo gesto di virile ribellione dell’Algeria nel 1962. La dura disciplina di questi uomini leggendari riverbera nelle pagine di questo libro. Pp. 300. 24 PAGINE DI ILLUSTRAZIONI FUORI TESTO. Ciarrapico, 1988. € 25,00
  • (Stalingrado) WALTER KERR. IL SEGRETO DI STALINGRADO. I segreti della terribile battaglia. Con il termine battaglia di Stalingrado si intendono i duri combattimenti svoltisi durante la  seconda guerra mondiale che, tra l’estate del 1942ed il 2 febbraio 1943, opposero i soldati dell’Armata Rossa alle forze tedesche, italiane, rumeni ed ungheresi per il controllo della regione strategica tra il Don e il Volga e dell’importante centro politico ed economico di Stalingrado. La battaglia, iniziata nell’estate 1942 con l’avanzata delle truppe dell’Asse fino al Don e al Volga, ebbe termine nell’inverno 1943, dopo una serie di fasi drammatiche e sanguinose. Pp. 350, con 22 cartine nl testo¸ cop rigida con  sovracop. 1976 . Euro 15,00
  • (Bombe sull’Italia) Giorgio Bonacina. Le bombe dell’apocalisse. Progettazione, esecuzione ed effetti distruttivi dei bombardamneti dell’agosto 1943 su Milano, Torino e Genova. Pp. 156, cop. rigida . Fabbri, 1973. Euro 14,00
  • (Viaggi. Polo Nord) France Pinczon Du Sel, Éric Brossier. Circumpolaris. France Pinczon du Sel e Éric Brossier, marito e moglie accomunati dalla passione per il mare, per l’avventura e per la scienza, sono i primi a compiere a bordo del Vagabond, tra il maggio del 2002 e l’ottobre del 2003, la circumnavigazione del Polo Nord, sul Mar Glaciale Artico. Dalla Norvegia, lungo le coste russe, attraverso lo stretto di Bering fino in Giappone. Quindi, sulla rotta del passaggio a Nord Ovest, in Alaska e in Canada.
    Circumpolaris è il racconto di questa eccezionale esperienza. I due navigatori contemplano una natura estrema, incontrano le popolazioni del Grande Nord e osservano le loro abitudini. Studiano i cambiamenti climatici, i movimenti dei ghiacci, i comportamenti degli animali. Il loro veliero diventa un vero e proprio campo base per scienziati e appassionati.
    Poi, tra il 2004 e il 2007, France e Éric decidono di trascorrere tre inverni nella baia di Inglefield, nelle isole Svalbard. Imprigionati nella banchisa, hanno come unici compagni due cani e gli orsi bianchi che si aggirano intorno alla barca. Il Vagabond, che li aveva condotti nel viaggio intorno al polo, viene stretto tra i ghiacci e si trasforma in un rifugio nel mezzo del freddo artico, diventa la loro casa; proprio qui, nel febbraio del 2007, nascerà la loro figlia Léonie.Pp. 384 – € 18. Nutrimenti, Prima edizione novembre 2008. Uro 18,00
  • (Fascismo). Arrigo Petacco. Il comunista in camicia nera Nicola Bombacci tra Lenin e Mussolini. Pp. 230, cop. rigida on sovracop. Monddaori, 1996, prima edizione. Euro 15,00
  • (letteratura nordica). Canti dell’Edda. Pp. 178, cop. rigida. Utet, 1939. Euro 20,00
    (Italia. Balcani) IL Montenegro e i suoi principi. Per le nozze di Vittorio Emanuele di Savoia  e Elena Petrovich Niegosch. Pp. 64, cop. rigida. Roma, 1896. Euro 30,00
    (Alchimia) Hangiuns à Brma. Il regno di Saturno trasformato in età dell’oro. II piccolo trattato con il titolo di Saturnia Regna in aurea saecula conversa fu pubblicato per la prima volta a Parigi nel 1657. La sua traduzione francese fu del 1780, e il traduttore, anch’egli anonimo, fornì le poche informazioni su Huginus di cui in pratica disponiamo e che il lettore potrà ritrovare ora in questa integrale versione italiana di quella traduzione. Chi abbia a mente il lessico alchemico non troverà difficoltà ad immergersi nelle pagine di Huginus, e però potrà stupirsi che il traduttore francese (si ricordi la data: 1780) non cerchi minimamente di sottrarre al dettato originale la sua criptica struttura linguìstica, ma badi, piuttosto, ad accortamente seguirne la lettera, a non turbare l’antica tramandata metafora. La cultura medica dì Paracelso, il suo indirizzo iatrochimico, di cui Huginus è portavoce, sono così ancora di prima mano nell’attenta e letterale traduzione francese nella quale il travaglio dì una cultura ancora sofferta da cosmografie dissimili, se non contrapposte, e che all’epoca avranno già conosciuto il rasoio sperimentale di un Boyle, sembra potersi dimenticare come fatto marginale se non inesistente. E tanto può far riflettere il lettore, se lo crede opportuno, su come sia impossìbile – e per fortuna – distaccare il risultato alchemico, anche nei suoi gradini terapeutici, dalla parola compilata e trascritta nel tempio «soterìco » dell’immaginazione. Parrebbe ancora una lezione d’umiltà a chi voglia assimilare a tutti i costi il concetto di « reale » a quello di « osservabile » o « tangibile ». Il regno di Saturno ricorda che è dato un luogo semantico proprio dell’alchimia formatosi per sedimenti, spontaneamente, ma giustamente sovrapposti e che, nonostante le insignificanze filologiche, il lessico alchemico ha per territorio naturale l’immaginario scandito dalla sua prassi operativa e dai suoi ricordi concettuali. Tanto che, in Hugìnus, Geber può mescolarsi a Paracelso, autori, in cifra diversa, d’identiche finalità che il trattatello rammenta: « La natura prudente sia dunque la maestra dell’opera: quando lei da i pesi, distribuisce tutto saggiamente tanto nella creazione del grande mondo quanto nella creazione della nostra opera segreta, che poi altro non è se non un’imitazione o una copia dell’altro ». Pp. 116. Mediterranee, 1996. Euro 10,00
  • (Fascismo). Benito Mussolini. Opera omnia. Volume primo. Dagli inizi all’ultima sosta in Romagna. Pp. 294. La Fenice, 1951. Euro 15,00
  • (Psicologia) Aldo Carotenuto. Miti e riti della seduzione. Una esplorazione dei miti, dei riti, e dei luoghi delle seduzione, non solo di quella amorosa, ma di ogni ‘ignotum’ che catturi l’individuo. Pp. 218. Bompiani, 1994. Euro 18,00
  • (Indoeuropeistica). P. Laviosa Zmbotti. Le più antiche civiltà nordiche. Ed il problema degli indoeuropei e degli ugro-finni. Pp. 288.Principato, 1941. Euro 80,00
  • (Avanguardia musicale) Papa Alessandro (a Cura) rumori sacri.Le vie esoteriche e mortifere di quattro protagonisti della musica post-industriale italiana: Ain Soph, Rosemary’s Baby, Sigillum S e Atrax Morgue. Saggi di Aldo Chimenti, Devis Granziera, Paolo Bandera e Alessandro Papa. Pp. 224. Editore End Of Kali Yuga, 2011, Euro 28,00
  • (Avnguardie letterarie) René Daumal La gran bevuta. La Gran Bevuta è la prima opera narrativa di René Daumal; meditata per vari anni, uscì nel 1938. Il libro riflette la crisi degli anni Trenta, i più decisivi per quella che era, allora, l’avanguardia letteraria francese. Daumal si sentiva ormai distaccato da ogni idea di gruppo e di ricerca letteraria collettiva e il suo progetto, ispirandosi alla metafora rabelaisiana del bere, era di costruire un racconto che possedesse spigliatezza e humour, e in cui ogni frase avesse un senso pieno; il racconto, soprattutto, doveva costituire un aiuto per chi volesse evitare, nella navigazione dell’esistenza, gli scogli e i gorghi di un falso pensare, quello che si paga con la perdita di tempo e, più gravemente, con l’autoinganno. Sapersi ubriachi, sia pure di discorsi e di gesti inutili, volerlo essere ancora di più, era il primo passo verso una liberazione e il raggiungimento di quella sobria ebrietas che porta alla lucidità e permette di intravedere il proprio cammino. A quella dei discorsi inutili, cioè, doveva seguire una ubriacatura di poesia, di verità e di fiducia.
    La Gran Bevuta – arricchita in questa edizione da un dossier di brani inediti – a causa della scioltezza del discorso potrebbe essere presa, come avverte lo stesso Daumal, per «un seguito di battute senza conseguenze» o, peggio, per «uno scherzo da collegiali»; essa sembra invece ricollegarsi, attraverso Rabelais, ai più alti modelli del discorso pedagogico rinascimentale. Le sue tre parti sono dominate da toni e da stili ben distinti; in tutte, il discorso tende a divertire sempre, ma è condotto in modo che il lettore abbia l’impressione «di non sapere su quale piede danzare», fino ad arrivare alle ultime pagine che risolvono l’imbarazzo e, cancellandone anche il ricordo, offrono una soluzione che può essere ‘la porta’ per uscire dal circolo vizioso dell’esistenza. Pp. 348. adelphi, 1997. euro 18,00
  • VHugo Von Hofmannsthal. Il libro degli amici. Quando Hofmannsthal, nel 1922, pubblicò la prima edizione di questo libro, forse ricordava le parole con cui Goethe aveva annunciato quella sua opera che dapprima voleva intitolare Libro degli amici e poi divenne il Divano occidentale-orientale: «Il Libro degli amici contiene serene parole di amore e simpatia che in certe circostanze vengono offerte a persone amate e stimate, solitamente al modo persiano con i margini arabescati d’oro». Il primo carattere di questo libro è dunque quello del dono rivolto a persone affini, e in quanto tale viene qui presentato come numero 100 della Biblioteca Adelphi.
    Ma, oltre che rivolto agli amici, questo libro è stato anche in certo modo scritto da amici. Mescolando suoi pensieri e riflessioni a quelli di autori celebri e antichi o anche assai meno noti e contemporanei, Hofmannsthal è riuscito a creare un singolare slittamento: prima ancora che se stessi, quei nomi indicano le voci che partecipano a una inesauribile conversazione. E anche dietro alla voce dell’autore sembrano celarsi quelle di molti altri, che grazie a lui parlano in incognito. Col gesto di un sovrano discreto e pressoché invisibile, Hofmannsthal si preoccupa qui di fissare uno spazio più che di riempirlo: prepara ai pensieri un paradiso, nel senso iranico di «giardino cintato». Così le riflessioni che allinea non hanno mai la solennità e l’autosufficienza delle massime, ma si intessono l’una all’altra come una molteplicità di voci che si rispondono. E il tutto assume un’autorità più inafferrabile, che accetta di abbandonarsi alla fuggevolezza della parola detta e perduta. Molti di questi frammenti sono tratti da memorie, lettere, diari – e più che a un comune modo di pensare sembrano riferirsi a una qualche esperienza di vita che i vari parlanti, il cui volto è spesso in ombra, avrebbero in comune. Non sarà Hofmannsthal, nemico dell’esplicito, a precisare che cosa tiene insieme queste voci: ma sarà ogni lettore attento ad accorgersi che lo spazio disegnato da questo libro è quello stesso di una cultura occidentale che fosse arrivata a insegnare a se stessa, in senso metafisico, le buone maniere. Delle quali sarebbe il primo precetto, in rapporto ai pensieri, quello che qui viene accennato: «La profondità va nascosta. Dove? Alla superficie». Pp. 122. Bompiani, 1988. Euro 8,00
  • EVOLA . Sul Neumanesimo. In ‘l’Italiano’, 1973. Forse l’ultimo articolo di Evola prima della morte. Euro 40
  • (Tecnologia) Oswald Spengler. L’uomo e la macchina. La tecnica e il suo rapporto con l’uomo in una analisi dell’autore del “tramonto dell’occidente”. Pp. 100. Settimo SigiIllo, 1989. EURO 10,00

    Walter Mainardi. donne e  veleni. Le buone signore dall’arsenico facile in 300 anni di cronache giudiziarie. Pp. 202. Longanesi, 1978. Euro 14,00
  • (Staliniana): Stalin. Antologia delle opere.  Pp. 406. Mondadori, 1970. Uro 15,00
    Nino Tripodi). IL fascismo secondo Mussolini. Dopo la sua caduta, il fascismo è stato interpretato nei più vari modi, analizzato da ogni possibile punto di vista, studiato con la massima attenzione dalle più diverse scuole storiche e filosofiche. Ma in tanta varietà, la cultura ufficiale e la grande divulgazione, quelle che oggi vanno sotto il nome di “pensiero unico”, hanno sempre tenuto fermo due punti pregiudiziali: che tutti avessero il diritto di occuparsi dei fascismo tranne i fascisti, e che gli atti e le opere del fascismo si dovessero giudicare non alla luce delle sue idee ma di quelle altrui. Questo saggio di Nino Tripodi abbatte le due pregiudiziali, l’una implicitamente, l’altra in modo esplicativo.  Pp. 176. Ciarrapico, 1978. Euo 14,00
  • (Mussolini)BENITO MUSSOLINI, Giovanni Huss IL VERIDICO. Giovanni Huss eretico, riformista, fustigatore di costumi, schivo da ogni forma di tirannia sia morale che politica, trova in Mussolini, allora libero pensatore (1913), il suo cantore che lo innalza a mitico simbolo della difesa della libertà. Pp. 128. Roma, 1948. Intonso (mai letto). Euro 15,00
  • (Comunismo) Max POLO. Dalla Ceka al KGB. STORIA DELLE POLIZIE SEGRETE SOVIETICHE”. Da sempre al servizio dell’oppressione della libertà e della dignità dell’uomo”: questa potrebbe essere l’epigrafe celebrativa delle polizie politiche sovietiche, dalle Ghepeù alla Ceka al KGB.PP. 220, con 16 pagine fotografiche fuori testo. Ciarrapico, 1977. Euro 14,00
  • (Sindcalismo rivoluzionario) Sorel. Democrazia e rivoluzione. Gli scritti più significativi dl teorico del ‘Sindcalismo rivoluzionaio’. PP. 244. E.R. 1973. Euro 18
  • (Narrativa giapponese) Ogawa Yoko. L’Anulare A partire dal 1988, ha pubblicato più di quaranta libri di narrativa e saggistica. Nel 2006 ha pubblicato, come coautrice, il volume in forma di dialogo “Un’introduzione alla matematica più elegante del mondo”, un colloquio con il matematico Masahiko Fujiwara sulla straordinaria bellezza dei numeri. Di lei Kenzaburō Ōe ha detto: “Yoko Ogawa è capace di dare espressione ai più minuti moti della psicologia umana, in una prosa che è tanto gradevole quanto penetrante” La caratteristica più rilevante sta nella capacità di Ogawa di delineare i suoi personaggi in un modo tale che, spesso, sembra che essi non sappiano cosa stiano effettivamente facendo. Ogawa accumula dettagli, una tecnica che funziona meglio, forse, nei suoi lavori più brevi. La conclusione dei racconti più lunghi, nel loro lento dipanarsi, deve ricorrere spesso a qualcosa di simile a un deus ex machina. Al lettore viene offerta un’acuta descrizione di ciò che i protagonisti, per lo più ma non sempre donne, osservano e sentono, nonché la loro auto-osservazione, per così dire alienata, in cui talvolta si riflette l’attuale società giapponese e soprattutto il ruolo che vi ha la donna. Il tono dei suoi racconti varia da romanzo a romanzo e talvolta all’interno stesso dei romanzi più impegnativi, e va da un alone surreale al grottesco, fino all’umoristico ma pur sempre grottesco, e all’ambiguità psicologica persino stridente. Hotel Iris, uno dei romanzi più lunghi, è quello più esplicitamente erotico e anche il più ampiamente tradotto; il conflitto sado-masochistico ne è il tessuto connettivo, freddo e senza alcun compiacimento. La scrittrice risente certo l’influenza dei grandi classici giapponesi come Jun’ichirō Tanizaki, ma anche, grazie alla sua ammirazione per il suo autore preferito Haruki Murakami, quella di autori americani come F. Scott Fitzgerald, Truman Capote e Raymond Carver. Durante i suoi studi di letteratura anglo-americana all’Università di Tokyo, il suo professore, Motoyuki Shibata (che ha per primo tradotto Ogawa in inglese) le ha fatto incontrare Paul Auster (di cui Ogawa è la traduttrice in giapponese), che ha avuto, soprattutto con il suo romanzo Moon Palace, una forte influenza sulla narrativa di Ogawa. Pp. 104. Adelphi, 2008. Euro 10,00
  • (Natura)Jack London Zanna Bianca (copertina di CREPAX) Insieme al suo predecessore – Il richiamo della foresta (1903) ­-, è indubbiamente l’opera più nota dello scrittore americano Jack London (1876-1916). All’enorme successo di pubblico del romanzo – solo in Italia si contano ben ventidue edizioni di Zanna Bianca – si accompagna un giudizio piuttosto severo da parte della critica, che considera London un autore poco sofisticato, a tratti schematico e ideologicamente poco solido. Egli rimane tuttavia un grande romanziere d’avventura, capace di creare alcuni miti romantici come quello della frontiera, della natura selvaggia del Nord, dell’antitesi tra Civiltà e Natura. Euro 15,00 Il romanzo, ambientato nelle gelide foreste nordamericane dello Yukon, si suddivide in quattro parti. Nella prima, che inizia nel 1893, due cercatori d’oro, Henry e Bill stanno tentando faticosamente di riportare verso la civiltà con una slitta trainata da sei cani il corpo di Lord Alfred. Il momento della spedizione è drammatico poiché, oltre a dover fronteggiare la carestia di cibo, i due sono a corto di munizioni e non sanno come fronteggiare il branco di lupi che li insegue e li assale di continuo; tra questi, c’è la lupa Kiche (incrociata con una cagna) che si distingue per particolare forza e ferocia. Nel corso del duro cammino, Bill e quattro cani vengono uccisi e divorati dai lupi. mentre Henry, che già si è rassegnato ad una fine amara, viene salvato all’ultimo da un’altra spedizione, che scaccia il branco. La seconda parte del romanzo segue allora le avventure e le battute di caccia all’alce del branco di Kiche, addottandone il punto di vista; quest’ultima, alla ricerca di un compagno, si accoppia con il Guercio, un lupo forte e coraggioso, che ha perso un occhio in uno dei moltissimi combattimenti sostenuti. Kiche partorisce così una cucciolata di cinque piccoli, che però muoiono tutti per il gelo invernale tranne uno solo: un lupacchiotto grigio. Per giunta il Guercio, nel tentativo di difendere la tana di Kiche, viene ucciso in combattimento da una lince. Kiche, per vendicarsi e garantire al tempo stesso la sopravvivenza della sua famiglia, uccide prima i cuccioli della lince e poi la lince stessa, al termine di una sanguinaria lotta che la lascia seriamente ferita. La storia di Zanna Bianca ha una svolta nell’incontro con un gruppo di cinque indiani: uno di questi, chiamato Castoro Grigio, riconosce nella madre del protagonista il cane del fratello, fuggito tempo prima per una grave carestia. L’indiano si impossessa della madre e di Zanna Bianca, battezzato così per il colore bianchissimo dei suoi denti, assai raro tra i lupi selvatici. Kiche viene presto rivenduta e Zanna Bianca, orfano, è disprezzato e maltrattato da tutti gli altri cani del campo indiano (e in particolare dal caposlitta Lip-Lip, un husky), che vedono in lui solo un lupo. Il protagonista cresce così selvaggio e solitario, ma sviluppa anche doti di forza, velocità e resistenza sopra la media: Mith-Sah, figlio di Castoro Grigio, lo addestra a diventare un perfetto cane da slitta e Zanna Bianca si vendica così di Lip-Lip, uccidendolo e proclamandosi capobranco. Castoro Grigio conduce dunque il suo cane a Fort Yukon, per cederlo a uno dei cercatori d’oro che frequentano la città; tuttavia Smith il Bello 1 inganna l’indiano facendolo ubriacare e si appropria di Zanna Bianca. Il suo obiettivo è trasformare il lupo in un perfetto cane da combattimento, tanto da torturarlo ferocemente per incattivirlo e vincere ogni scommessa. Zanna Bianca si rivela un eccellente combattente e sconfigge tutti gli avversari; un giorno però, il potente bulldog Cherokee resiste ai suoi attacchi e, abbattendolo a terra, inizia a soffocarlo con la mascella. Interviene allora Weedon Scott, che libera Zanna Bianca, picchia Smith il Bello e, minacciandolo di denunciare i suoi loschi affari, si porta via il cane-lupo. Pp. 184, copertina disegnata da Crepax. Sonzogno, 1973. EURO 15,00
  • (Fascismo) Mino caudana. 1922. Il 1922 non è stato solo l’anno della Marcia su Roma, cioè della conquista del potere da parte del fascismo.
    E’ anche l’anno in cui tutte le forze antifasciste o afasciste giocano le loro ultime carte. La classe dirigente liberale e la grande industria cercano di ridurre Mussolini a difensore e ricostruttore dello stato liberale, Giolitti tenta di farne un suo strumento per il ritorno al governo, le sinistre si oppongono agli squadristi e via dicendo. Tutto ciò è il 1922 anno cruciale dell’Italia contemporanea e l’autore segue giorno per giorno, a volte minuto per minuto, il suo evolversi con una documentazione minuziosa. PP. 250. IL Borghese, 1972. Euro 14,00
  • (Socialismo) Paolo Valera; Dal cellulare a finalborgo. Attivo nei movimenti garibaldini e socialisti dellaseconda meà dll’800, l’Autore, noto giornalista e politico, svolse attività giornalistica, anche  a Londra. Con reportage sui fatti dello ‘squartatore e sul degrado del quartier nel quale si svolsero. In questo libro Valera racconta parte delle sue avventure. Pp388. Con illustrazioni di Zuccaro. Bachini, 1900. Euo 15,00
  • (Celiniana) Dinamo Cardarelli. CELINIANA. Il volume raccoglie 4 articoli dell’autore, amico di Papini e Prezzolini, apparsi su “La Torre” e “Intervento”. Sono: Céline ed Elisabeth Craig, Dalle lettere di Céline a Milton Hindus, L’epistolario Céline-Faure, e, Céliniana. Pp. 52. Volpe. Euro 8,00
  • (Juengeriana) E. Jünger. – Viaggi in Sicilia, Pp. 68. Sellerio, 1993. Euro 8,00
    «E’SINGOLARE la maniera in cui il sole disfa la pietra avvolgendola fino al nucleo della vampa aurorata. I contorni si sbriciolano e questo agglomerato solare si fonde nella lontananza con lo scenario di monti e di rocce su cui si è innalzato», così nel suo diario, anno di grazia 1927, Ernst Jünger, scopre colori e umori dell’isola. Ha poco più di trent’anni ed è già un mito per giovani tedeschi usciti a pezzi dalla Grande Guerra. E’ soprattutto l’autore de “Nelle tempeste d’acciaio”, la più lucida, esemplare e algida descrizione del conflitto appena trascorso, in cui ha combattuto nei panni di un volontario super decorato. Dopo il 1918, Jünger alterna lavoro letterario a impegno militante e pubblicistica, a cui affianca una crescente attività da entomologo. Niente di stravagante pertanto che la Sicilia entri nei suoi interessi, sia scientifici che umanistici.
  • (Archeologia, Etruschi) Giovanni Feo. Recenti scoperte archeologiche nel territorio etrusco tosco-laziale (circoli di pietre, megaliti orientati e allineati, templi rupestri e incisioni) permettono all’autore di documentare una continuità di frequentazione dall’età preistorica (neolitico) agli etruschi. Fin dall’antichità i siti considerati furono osservatori spaziali e luoghi di culto per la conservazione di quella che è possibile definire “scienza sacra”, avente come caratteristica peculiare la connessione tra il cielo, la terra e gli elementi naturali. PP. 136, con alcune ill. Stampa alternativa. 2006.
  • (Psihedelia e rivoluzione) Timothy Leary. Fuga. La fuga dal carcere americano dopo la condanna  a 25 anni, tutte le avventure che lo hanno condotto, poi, in Algeria in Svizzera fino l’Afghanistan e poi di nuovo nelle carceri americane. Pp. 236, prima ed. it. Arcana , 1974. Euro 15,00
  • (Sacro ed erotismo) Alain Daniélou.  L’erotismo divinizzato. Architettura e scultura del tempio indù. Uno dei più grandi studiosi della antica sacralità indiana, illustra l’erotismo sacro- simbolico dei templi di questa antichissima civiltà. Pp. 130, molte foto, Red 2002. Euro 13,50. – IN offerta, euro 10,00
  • (Napoleonica) Stefan Glaser. Le donne di Napoleone. Napoleone è stato uno dei più grandi condottieri di tutti i tempi, la sua figura compare nella Francia della Rivoluzione come una meteora e nel giro di pochi anni cambia la storia d’Europa. Ma com’era il Corso nella sua vita privata? Che significato avevano la sua proverbiale gelosia verso Giuseppina e gli scoppi d’ira verso le sorelle? L’autore ripercorre la vita di undici donne che ebbero un ruolo importante nella vita di Napoleone. Scopriamo così che il generale fu un tiepido amante e dichiaratamente ostile a qualsiasi forma di emancipazione femminile, ma fu anche un fratello affettuoso e un figlio devoto. Pp. 238, cop. rigida con sovracop. Boroli, 2004. Euro 19,00 – IN offerta, euro 15,00
  • (Euopa)Jean Thiriart L’EUROPA: UN IMPERO DI 400 MILIONI DI UOMINI. Il capo di Jeune Europe e la sua idea dell’Europa.Pp.228, Avatar, 2011. Euro 24,00
  • (Euopa)Araldi Vinicio. Vivere all’est.  La vita quotidiana nell’Urss e nei paesi satelliti, gli stipendi di operai e ministri, la politica della casa e i suoi risultati.
    Il risultato, allucinante, è che il comunismo ha fallito il suo scopo fondamentale: quello di offrire un pò di benessere ai sui sudditi. E fra essi, quelli che stanno peggio, sono i proletari. PP. 214, cop. rigida on sovarcop. Edizioni Del Borghese,1972. Euro 10,00
  • (Fascismo)Alberto Giannini. Memorie di un fesso. Opera autobiografica e autocritica scritta quando il suo autore da socialista e antifascista (dopo il 1931) cambia radicalmente la propria fede diventando sostenitore del regime. pp. 324, cm 19,5×14. Corbaccio, 1941. Brossura, euro 20,00
  • (Viaggi). Guido Gozzano. Verso la cruna del mondo, Lettere dall’India.   L’India di Gozzano, poeta esploratore.  Pp. 26 Cop. rigida con sovracop.  MP, 1989. EURO 15,00
  • (Roma antica) Ettore Fabietti. Augusto. Pp. 336. bairon, 1937. Euro 18,00
  • (Tibet. Raro. Prima edizione).Dalai lama La mia terra il mio popolo Questa autobiografia del Dalai Lama, caratteri essenziali della civiltà tibetana e racconta sia le drammatiche vicende che seguirono l’invasione cinese, sia il rocambolesco viaggio che Tenzin Gyatso fu costretto a intraprendere alla volta dell’India per potersi salvare.
  • (Celti) Giovanni Banfi, L’armamento dei Celti e tecniche di combattimento. L’interesse verso le culture antiche d’epoca romana che hanno costruito la base delle odierne identità regionali è sempre più forte e radicato. In questo testo, ampiamente illustrato, vengono esposti in maniera sistematica e divulgativa da un lato l’evoluzione dell’arte della guerra presso i popoli celtici d’epoca preromana e romana, e nel contempo le caratteristiche tecnologiche degli armamenti delle popolazioni celtiche sul cui modo di condurre le operazioni militari influivano la cultura, la visione del mondo e la religione, che permeava l’esistenza di tutti i membri della società fin dalla nascita e faceva sì che i Celti si comportassero a volte con modalita’ poco comprensibili anche agli occhi dei propri contemporanei. Un libro innovativo ed un esempio mirabile di come l’archeologia sperimentale è capace di illuminare non solamente la storia antica, ma anche le radici del nostro presente..Il Cerchio. Pp138, In18p, 74 illustrazioni colore e bn i tavole 16euro.
  • (controcultura giovanile)Fred e Judy Vermorel “Sex Pistols Story”, “Un libro storico su un momento fondamentale della storia del rock, che dall’interno – dalla viva voce dei protagonisti – racconta la straordinaria, scandalosa ascesa e il repentino tramonto del celeberrimo gruppo punk.” Pp. 30, Gammalibri, 1997. Euro 15,00
    (Grafica Popaganda. RSI) Boccasile, Coscia e alti. Circa 30 manifesti di propaganda della RSI, in formato cartolina. Euro 34Euro 10
    (Raro. Hitleriana). Eugenio Dollmann. Hitler e le donne. L guerra psicologica ha molto giocato su questo aspetto delle vita del capo del nazionalsocialismo; in questo libro, il rappresentante delle SS in Italia racconta non solo i rapporti già noti, ma anche i rapporti con le prime donne del nazismo e on alcune personalità femminili italiane. Pp. 228. Copertina tutta tela con ornamenti e sovracop. Il Borghese, 1960. Euro 35,00
  • (Templari, Raro) Bordonove Georges. IL rogo dei Templari. La grandezza e l’improvvisa fine dei Cavalieri del Tempio. Pp. 310. Sugar, 1969. Euro 20,00
  • (Celti): McCullogh J. A.  La religione degli antichi celti. Nella grande congerie di studi celtici, che si sono susseguiti a partire dalla fine del secolo scorso, e di fronte al sempre crescente interesse che la materia celtica va acquistando anche presso il pubblico non specializzato, questo libro di McCulloch costituisce uno dei primi e più riusciti tentativi di descrizione del misterioso oggetto che è la “religione celtica”, compiuti avvalendosi di tutti gli strumenti più moderni che l’archeologia, la fisiologia, la numismatica, l’analisi testuale e gli studi comparati sia linguistici che folklorici mettevano a sua disposizione. Ne esce un lavoro ampio ed esauriente sull’affollato pantheon degli dèi dei Celti insulari e continentali, in cui si riesce per la prima volta a intravedere un ordine e i sicuri legami esistenti tra le varie e non sempre omogenee realtà religiose. La difficoltà dell’argomento risiede nella mancanza di fonti davvero antiche e lo storico delle religioni deve rintracciare, spesso avvalendosi dell’intuizione, all’interno di ciò che è rimasto, cioè miti, racconti ed epopee trascritti in epoca cristiana, le vestigia di una religione, che comunque rimane misteriosissima e per questo affascinante. In questo senso è di grande interesse l’attenzione prestata per la prima volta al folklore come prezioso serbatoio della tradizione orale di epoca precristiana e come fonte di possibili informazioni su un passato avvolto nella nebulosa magia dei druidi. Il ritratto del Celta che ne risulta è quello di un uomo alla ricerca di dio, profondamente legato alle forze invisibili, al culto degli spiriti della natura e della vita che nella natura si manifesta. Pp. 416. Neri Pozza, 1998. Euro 18,00
    (Nazismo) Jaques Delaure. “Storia della Gestapo”   Questo volume è uno studio dalla nascita fino al crollo della polizia politica di H., la Gestapo (Geheime Staatspolizei). I suoi membri erano reclutati tra gli ufficiali di carriera della polizia e il suo ruolo e la sua organizzazione furono stabiliti da H.G. dopo che A. H. salì al potere nel marzo 1933. Rudolf Diels fu il primo capo dell’organizzazione, inizialmente chiamata Dipartimento 1° della polizia di Stato prussiana. Il compito della Gestapo era quello di investigare e combattere «tutte le tendenze pericolose per lo Stato». Aveva autorità di investigare sui casi di tradimento, spionaggio e sabotaggio, oltre ai casi di attacchi criminali al Partito Nazista e allo Stato. Pp. 510, diverse foto, cop. tutta tela, con sovracop.  con tit. in oro al dorso, come nuovo. Dall’Oglio Editore, 1964. Euro 30,00
  • (Roma antica. Tradizione.) Mariano Bizzari. Tradizione e misteri di Roma. Luoghi del Sacro e continuità Spirituale nell’Urbe. La storia di Roma, letta attraverso i simboli e le opere architettoniche che ne scandiscono l’irripetibile unicità, attesta una continuità spirituale, dalla Roma dei Re a quella dei Papi, che non può essere compresa se non alla luce dei rapporti che intercorsero tra l’Urbe e il “centro supremo”, di cui Roma è in qualche modo “l’immagine” in occidente. In questo senso la Tradizione Romana è parte integrante del deposito integrale della Tradizione primordiale, la cui sapienza costituisce a tutt’oggi l’unico e l’ultimo baluardo contro le orde dissolvitrici del Kali-Yuga. Espressione di una filiazione diretta della sede iperborea, Roma ha saputo raccogliere il retaggio di altre Tradizioni (zoroastriane, ebraiche, cristiane), integrandole in un corpus dottrinale che si esprime preferenzialmente in simboli e riti, piuttosto che in dottrine e mitologie. Pp. 34. Settimo sigillo 2002. Euro 23,00
  • (L’occupazione americana d’Italia). La Campagna d’Italia fotografata dal Pentagono. I venti mesi (settembre 43, maggio 45) dell’assalto militare americano all’Italia, nelle fotografie del Pentagono. Pubblicazione fotografica, con moltissime illustrazioni. Canesi, 1965. Euro 20,00
  • (Nazismo. Revisionismo). David Irving. La guerra di Hitler. La storia della Germania dal ‘37 al ‘45 redatta su documenti originali da uno scrittore controcorrente. Un aspetto particolare di questo libro è che esso vede Adolf Hitler come essere umano, con i suoi difetti e i suoi pregi, con le sue colpe e i suoi meriti. Con semplicità e chiarezza, Irving ci presenta Hitler come lo vedevano, nelle grandi e nelle piccole faccende di ogni giorno, quanti gli erano vicini: generali e autisti, gerarchi del partito e stenografi, diplomatici e segretarie. Pp. 1000, op. rigida, con sovracop. 64 Pp. fotografiche. Settimo Sigillo, 2001. Euro 60,00; in offerta, euro 50,00
    (Prima edizione. Prenazismo) Nicola Cospito. I Wandervogel.  La gioventù tedesca da Guglielmo II al Nazionalsocialmo. Pp. 184. La prima controcultura del ‘900, che in contrasto con l’ideologia della modernità scelse la via della montagna. Il Corallo, 1994. Prima edizione. Euro 20,00
  • (Berlino 1945). Peter Antil. Berlino 1945. La fine del Terzo Reich. Alla metà di aprile del 1945 la Germania di Aldolf Hitler si trovava con l’Armata Rossa distante meno di 100 km dai suoi confini orientali e pronta a conquistare la capitale tedesca. L’autore descrive gli eventi che caratterizzarono questa fase conclusiva del Secondo conflitto mondiale, l’ultima resistenza opposta dalle forze germaniche. Corredato da numerose mappe e illustrazioni, il libro descrive con grande efficacia e realismo la strategia delle parti in lotta e le tattiche improvvisate di guerra urbana impiegate dai loro eserciti. Pp. 150, tantissime illustrazioni. Leg, 2015. Euro 20,00
  • (Roma) Indro Montanelli. Storia di Roma. Pp. 454. Rizzoli, 2208. Euro, 10,50. In Offerta, euro 5,00
  • (Fascismo. Raro) Murizio Maraviglia. Alle basi del regime. Pp. 72, intonso, timbro con fascio. Libreria del Littorio, 1929. Euro 18,00
  • (Fascismo. Raro) Ettore Romagnoli. Nel decennale della Rivoluzione Fascista. Pp. 30, intonso. Zanichelli, 1933. Euro 18,00
  • (Fascismo. Raro) Maio Missiroli. Cosa deve l’Italia a Mussolini. Un quadro dell’attività costruttiva del fascismo nei suoi primi 15 anni. Pp. 300. Novissima, 1937. Euro 28,00
  • (Giappone). Yukio Mishima. Ali. Pp. 30. Stampa alternativa, 1992. Euro 7,00
  • (Suoni) Giovanni di Iacono. Noi siamo la notte. Viaggio nelle culture Goth e industrial. Pp. 236. Gaalad, 2014. Euro 15,00
  • (Classici) Seneca. Dell’ira. Una delle più belle letture tra gli scritti del filosofo e politico della roma antica. Pp. 260. I Dioscuri, 1990. Euro 10,00
  • (Contropotere. Prima edizione). James Hillman. Il potere. Come usarlo con intelligenza. James Hillman si interroga su cosa sia il potere. L’indagine di Hillman si incentra sulla vera religione universale del nostro tempo: l’Economia, che ha imposto i suoi principi fondamentali. L’Economia detiene il potere assoluto, governa la nostra esistenza attraverso idee che guidano i nostri pensieri. Sono queste idee l’oggetto del libro di Hillman, in cui si parla dunque di fenomenologia del potere. Le riflessioni contenute in queste pagine insegnano come utilizzare al meglio il potere di cui disponiamo sul lavoro, negli affari, nella vita quotidiana. Pp. 232, cop. rigida con sovracop. Rizzoli, prima edizione, 2002. Euro 15,00
  • (Costume). Enzo Biagi. Mia bella signora. La donna dall’Unità d’Italia alla repubblica. Settant’anni di vita femminile. Pp. 192, moltissime foto, cop. rigida con sovracop. Rizzoli, prima edizione, 1981. Euro 12,00
  • (Illustrazione) Sanjulian. Periodo 1970-1984. Manuel Perez Clemente, noto come Sanjulian, uno dei più importanti illustratori  spagnoli, di stile realista della tradizione fumettistico-pittorica,  con predilezione di tematiche fantasy, Pp. 176, formato grande, tutto illustrato, cop. rigida in tutta tela,  con sovracop. Glenat, 1985. Euro 20,00
  • (Prima guerra mondiale). Seth. Caporetto. Lo storico, Autore di questo saggio, individua nell’ostilità dei comandi alleati dell’Italia la ragione dell’indebolimento della strategia italiana nella I G.M. Pp. 244, 17 pagine di foto. Garzanti, 1977. Euro 15,00
  • (RSI). U. Alfassio Grimaldi. La Stampa di Salò. I giornali delle Repubblica Sociale. Pp. 118. Bompiani, 1979. Euro 20,00
  • (Anni ’70. Raro): Comitato di solidarietà detenuti politici (Bezicheri, Sanfratello e altri). Il Caso Maggi. Pp. 56. 1998. Euro 14,00
  • (Arte) Ivana Magri. Dipingere su seta. Pp. 96, illustrato, cop. rigida. Mondadori, 1993. Euro 8,00
  • (Arte. Biografie) Dimitri  Mereskovskij. Leonardo Da Vinci. La vita del più grande genio di tutti i tempi. Pp. 380. Giunti, 2005. Euro 13,50
  • (Feliniana)  Theopile Gautier, Maria Ida Amadei. Gatti (un racconto di Gautier) e 11 acrilici formato cartolina di Amadei, in cartellina cartonata e sagomata. Stampa Alternativa. Euro 10,00
  • (Fascismo) Luigi Emilio Longo. I vincitori della guerra perduta. Prefazione di Enzo Erra. Le biografie di 19 protagonisti del Fascismo, vincitori morali anche se non materiali del secondo conflitto mondiale: Teseo Tesei, Marescotti Ruspoli di Poggio Suasa, Niccolò Giani, Licio Visintini, Bernardo Barbiellini Amidei, Guido Pallotta, Primo Longogardo, Giulio Martinat, Carmelo Borg Pisani, Berto Ricci, Ettore Muti, Carlo Borsani, Carlo Fecia di Cossato, Carlo Faggioni, Nicola Bombacci, Mario Rizzatti, Fernando Mezzasoma, Adriano Visconti e Alessandro Pavolini. Pp. 43, cop. rigida con sovracop. Settimo Sigillo, 2003. Euro 30,00
  • (Arte. Architettura) Jean Jenger. Le Corbusier. L’Architettura come armonia. Pittore, architetto, poeta, ‘rivoluzionario’ e conservatore. Pp. 160, moltissime illustrazioni. Gallimard, 1993. Euro 14,00
  • (Tradizione nordica). Roberto Bosi. I Lapponi. Popolazione insediata nella parte più settentrionale della Svezia, della Norvegia e della Finlandia (circa 28.000 individui) e nella penisola di Kola. Il nome, che è quello più comunemente usato, è di origine svedese, mentre essi stessi si dànno il nome di Sami e i Russi li chiamano Lopari, designazione spesso usata a indicare i Lapponi abitanti il territorio russo. Pp. 246 fotografie fuori testo + 56 disegni + 3 carte geografiche copertina editoriale in tutta tela dimensioni: 15 x 20,5 cm. Stato di conservazione: buono. Il Saggiatore, collana Uomo e Mito. Euro 25,00
  • (Celtica) Simon James. I Celti popolo Atlantico. Chi erano i Celti e quando si insediarono nel territorio anglosassone? Sono vere tutte le storie che si raccontano sul loro conto? Quella offertaci da Simon James in queste pagine è una nuova rivoluzionaria ipotesi riguardante i popoli che vissero in Gran Bretagna nell’età del ferro, una storia alternativa delle Isole britanniche nata da un’attenta e approfondita analisi di tutte le antiche e moderne idee sui Celti e di numerosissime prove archeologiche risalenti all’epoca preistorica. Pp. 176. Newton, 2001. Euro 8,00
  • (Fascismo. Guerra civile spagnola) Nello Quilici. Spagna. Un bilancio della guerra civile. Pp. 146. Quaderni dell’istituto Nazionale di Cultura Fascista, 1938. Euro 15,00
    (Raro in questa edizione.- Giappone). Mishima. La voce delle onde. PP. 178. Garzanti, 1977. Euro 15,00
  • (Celiné. Prima edizione It.) Rigodon. PP. 290. Cop. Rigida con sovracop. Prima edizione it. Bompiani, 1970. Euro 29,00
    (Costume e politica) Oscar Wilde. La disciplina del Dandy. “Vivere è la cosa più rara del mondo. La maggior parte della gente esiste”. Una raccolta di scritti e di aforismi. Pp. 128. Piano B, 2010. Euro 11,00 
  • (Raro . Storia antica). Enesto Renan, Marco Aurelio e la fine del mondo antico.  Pp. 344. Rilegato. Dall’Oglio, 1958. Euo 20,00
  • Jean Servier. Storia dell’Utopia. IL sogno dell’Occidente da Platone ad Aldous Hukley. La storia ci insegna che da sempre lo stato di infelicità della coscienza, il “male di vivere” hanno generato nell’uomo aspirazioni utopistiche, il desiderio di un “non luogo”, di qualcosa di nuovo, di migliore, in cui credere. Per Servier, in contrapposizione con altri filosofi, l’utopia non è per niente trascendente, ma è immersa nel presente; come un sogno appunto, ha le sue radici nella storia vera. Da Platone, attraverso Tommaso Moro, Campanella, Bacone, Proudhon, fino a Huxley e a Orwell, è un succedersi di sogni, di aspirazioni alla perfezione, di ricerche del “nuovo” che ha accompagnato e determinato il progredire della nostra storia. Pp. 274. Mediterranee, 2002. Euro 18,00
  • (Novità. Costume) Adolf Loos. Come ci si veste. Adolf Loos non fu solo l’architetto rivoluzionario che conosciamo, ma anche uno scrittore brillante e un osservatore attento della società a lui contemporanea. Questo volume riunisce, per la prima volta in italiano, alcuni dei suoi scritti in tema di abbigliamento e moda. “La moda è lo stile del tempo presente”, scrive Loos che, come per la sua opera architettonica, predilige la semplicità, l’essenzialità e la mancanza di fronzoli così da evidenziare la pura bellezza dei materiali. Una grande lezione di stile da un insospettato maestro di eleganza. Pp. 94. SKIRA, 2016. Euro 14,00
  • Marco Iacona. Il maestro delle Tradizione. Dialoghi su Julius Evola. Quaranta interviste a intellettuali e studiosi su Julius Evola. Marco Iacona traccia con ogni partecipante un percorso teso ad indagare uno specifico settore di studi o impegni del “filosofo della Tradizione”. Si va dall’arte alla filosofia, dall’esoterismo all’ermetismo, dalle antiche spiritualità alla “Rivoluzione conservatrice”.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.